L’Eiaculazione

La parola “eiaculazione” deriva dal latino “eiaculare”, ovvero “gettare fuori”. Si tratta dell’emissione dello sperma, ovvero del liquido seminale dall’uretra provocata dall’orgasmo maschile. Essa si manifesta all’apice del piacere maschile, a seguito della stimolazione ripetuta del pene durante l’atto sessuale o durante la masturbazione. Vi sono, però, dei casi in cui l’eiaculazione avviene senza erezione e senza necessità di attività sessuale o masturbazione, ad esempio a seguito dell’eiaculazione notturna.

Questa “espulsione” dura in genere alcuni secondi, ed è influenzata da fattori emotivi, psicologici, ma anche da fattori fisici come la durata delle contrazioni che danno origine all’orgasmo e dalla produttività della ghiandola prostatica e delle vesciche spermatiche.

Come Riuscire a Controllare L’Eiaculazione

Controllare il momento dell’eiaculazione è possibile, e dipende dall’età, dall’esperienza e dal numero di rapporti sessuali. Ci si può affidare, ad esempio, a dei preservativi ritardanti che consentono di aumentare la durata del rapporto, ci si può affidare a fattori emotivi (ad esempio pensare a cose poco erotiche o stimolanti: si tratta del cosiddetto metodo “doccia fredda”), ci si può affidare ad un metodo elaborato in America, chiamato dello “start and stop”, che funziona attraverso la pressione sul frenulo nel momento dell’orgasmo maschile per ritardare la venuta, oppure ci si può masturbare prima di un rapporto sessuale per scaricare la tensione e facilitare una durata del rapporto maggiore.

Come dicevo sopra ritardare la durata del rapporto, però, dipende soprattutto da fattori come l’età e l’esperienza che con il tempo permettono di elaborare un proprio metodo mentale per aumentare la durata del rapporto.

eiaculazione

controllare l’eiaculazione

I disturbi dell’eiaculazione

I disturbi dell’eiaculazione sono di varia natura e possono comportare gravi scompensi nella vita dell’uomo che ne soffre, sia dal punto di vista sessuale che affettivo e nella vita di coppia nel caso in cui si decida di avere un figlio, causando alcuni problemi molto seri e da non trascurare, di cui chi ne soffre deve assolutamente fare menzione al proprio medico curante e poi ad un medico specialista.

Tali tipologie di disturbi possono avere varia natura. Il disturbo più conosciuto è senza dubbio quello dell’eiaculazione precoce, in latino ejaculatio praecox. Si tratta della patologia attraverso il quale l’uomo non riesce a controllare minimamente la propria eiaculazione, finendo, quindi, con l’avere l’orgasmo in brevissimo tempo.

Quello dell’eiaculazione sanguinante, invece, è un disturbo più grave. Si manifesta con lo sperma e tracce di sangue, le quali sono spesso il primo segnale di un tumore alla prostata: per questo motivo alla prima insorgenza di tale disturbo, bisogna immediatamente farne riferimento al proprio medico curante.

L’aneiaculazione è un’altra patologia molto seria, la quale è causa di sterilità maschile. Durante l’eiaculazione non fuoriesce lo sperma e quindi non è possibile procreare: di frequente l’aneiaculazione è un disturbo è causato da alcuni farmaci, nello specifico da alcune terapie per combattere il cancro.

Quando parliamo di Eiaculazione, un ulteriore disturbo di cui è fondamentale fare immediata menzione al proprio medico, è quello dell’ eiaculazione dolorosa. Essa, oltre a provocare una difficile vita sessuale, è anche causata in genere da una infezione della prostata, di cui è il primo campanello d’allarme: in tali casi meglio prevenire che curare.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>